Come arredare casa con stili diversi


Chi l'ha detto che si debba scegliere un solo stile per arredare casa?
Sicuramente ciascuno di noi avrà una predilezione per l'eleganza del gusto classico o viceversa per la sobrietà e pulizia di quello moderno, ma è sbagliato pensare che arredare casa con stili diversi possa portare a un risultato esteticamente sgradevole.
È vero che affidarsi a modelli quasi preconfezionati con mobili dello stesso stile, talvolta proposti in soluzioni che potremmo definire chiavi in mano, soprattutto dalle aziende di arredamento low-cost, è sicuramente più semplice e si ottiene la certezza di creare degli ambienti omogenei.
Ma il rischio che si corre è quello della standardizzazione, di case uguali le une alle altre e totalmente prive di personalità.

Non si deve aver paura di recuperare degli elementi di arredo antichi, magari ereditati in famiglia o acquistati in negozi di antiquariato, e pensare di collocarli nei nostri ambienti dallo stile minimal. Così come vale l'inverso: se la nostra casa ha un sapore antico, nulla vieta di abbinare mobili antichi e mobili moderni.

Parole d'ordine: equilibrio e gusto estetico


Quella di arredare con stili diversi è sicuramente una capacità che non tutti hanno. Perché ci vuole un grande senso dell'estetica e il saper calibrare la volontà di osare con la necessità di non strafare. Equilibrio e gusto sono sicuramente le parole d'ordine da tenere sempre a mente.
Facile a dirsi, difficile a farsi, penserete. Ma non è così, non è necessario essere degli esperti di interior design per creare degli ambienti che abbiano una loro coerenza senza dimenticarne l'anima, che deve essere un riflesso di chi li abita.
Per aiutarvi ad abbinare classico e moderno, cercheremo di darvi alcuni consigli da seguire, sia generali sia attraverso qualche esempio pratico di accostamenti che funzionano in ogni caso.


Creare contrasti tra antico e moderno


Il primo consiglio, specie nel caso in cui dobbiamo arredare da zero la nostra nuova abitazione, è quello di valutare la struttura della propria casa. Ciascuna casa ha un suo carattere definito e che può sposarsi bene con un determinato stile di arredamento.

Solo per fare qualche esempio chiarificatore, un loft è particolarmente indicato per uno stile industriale o dalle linee contemporanee, che invece mal si sposa con una casa spiccatamente rustica.

Una volta individuato lo stile architettonico strutturale dell'abitazione e conseguentemente il mobilio di base che meglio vi si adatta, è l'ora di passare agli accostamenti originali.
L'arte di abbinare mobili antichi e mobili moderni si basa su un precetto fondamentale, quello di creare dei contrasti.

Inserire una credenza d'epoca in un living moderno così come una sedia o una lampada di design in un ambiente classico può essere la scelta più azzeccata per dare grande personalità e originalità alle stanze.

Per abbinare classico e moderno con gusto vanno chiaramente considerati anche una serie di elementi, che riguardano non soltanto la creazione di contrasti interessanti ma anche una valutazione generale dei colori predominanti, delle dimensioni di stanze e mobilio e dei materiali presenti.

Vecchio non è sinonimo di antiquariato


Se abbiamo deciso di abbinare mobili antichi e mobili moderni per dare un tocco di originalità ai nostri ambienti ci sono degli errori che è bene non commettere per non correre il rischio di trasformare la casa in una accozzaglia di elementi male accompagnati.
Oltre a rispettare il principio di equilibrio e di spazio, di cui parlavamo prima, bisogna saper scegliere i mobili giusti.
Se vogliamo, ad esempio, inserire nei nostri ambienti moderni uno o più elementi antichi bisogna saper individuare il vero valore dei mobili che abbiamo scelto. In poche parole, non tutto ciò che è vecchio, ovvero datato, può essere considerato un pezzo di antiquariato.

 

Abbinare mobili antichi e mobili moderni: qualche consiglio

Passiamo ora a dei consigli pratici sul come abbinare mobili antichi e mobili moderni.
Arredare con stili diversi può essere una scelta generale, che si riflette nell'intera abitazione, oppure possiamo scegliere di aggiungere degli elementi di contrasto soltanto in alcune stanze.
Ecco qualche idea per abbinare classico e moderno nei singoli ambienti della casa.


Ingresso originale mixando stili diversi

L'ingresso è uno degli ambienti spesso più trascurati della casa e che invece dovrebbe avere tutte le attenzioni, perché è il primo spazio in cui entriamo e dovrebbe comunicare una sensazione di calore e accoglienza.

Se è vero che, essendo un luogo di passaggio, spesso è indicato ad accogliere elementi di arredo funzionali, come attaccapanni, portaombrelli o poggia scarpe, è altrettanto vero che è lo spazio più indicato per osare con qualche elemento puramente decorativo, magari mixando stili diversi.

Abbinare classico e moderno nel living


Il living è sicuramente l'ambiente dove trascorriamo la maggior parte del nostro tempo, specie quello riservato al relax e alla condivisione con la famiglia o con gli ospiti.
Essendo generalmente la stanza più grande della casa, a maggior ragione è quella che si presta di più ad essere arredata con particolare attenzione e dove è molto più facile che degli accostamenti originali possano dare risultati interessanti.

In un soggiorno arredato in stile moderno, si può pensare di inserire alcuni elementi vintage, come una poltrona dalle forme antiche o una libreria dal sapore antico. Gli elementi possono essere inseriti mixandoli all'interno dell'ambiente oppure riservando loro uno spazio a sé stante, che li metta ancor più in risalto.
Se invece nella stanza prevale uno stile più classico, gli stessi contrasti si possono creare inserendo degli elementi moderni o di design. Si può puntare sia sul mobilio, con divani dalle linee essenziali o un tavolo in vetro o dalla struttura in acciaio, sia su elementi come lampade e lampadari di design.

Credenza antica nella cucina moderna


Nelle case moderne vi è la tendenza a creare ambienti openspace, dove non esiste una netta separazione fra la zona living e la cucina.
Se avete la fortuna di avere una cucina separata sufficientemente grande o di avere un ambiente che, nonostante la mancanza di muri separatori, sia nettamente distinto rispetto al salotto, allora potete sbizzarrirvi anche qui con gli accostamenti.
In caso di arredo moderno, è chiaro che il miglior modo per abbinare mobili antichi e mobili moderni è quello di inserire nella cucina una credenza vintage.
Questo è forse uno degli accostamenti più belli quando si parla di mix di stili diversi in casa, anche perché spesso la vecchia credenza è quella ereditata dalla nonna o comunque da qualche familiare e recuperarla è un modo per preservare le nostre tradizioni.

Una regola che vale sempre quando si inseriscono degli elementi di arredo che vanno a contrasto con quelli preponderanti, come nel caso della credenza antica in una cucina moderna, è quella di riservare loro tutto lo spazio che meritano.
Trattare dunque i mobili come se fossero delle opere d'arte, mettendoli in evidenza e rendendoli protagonisti dello spazio. Questo è un pò il segreto del saper abbinare classico e moderno: il pezzo antico, o viceversa quello moderno, deve spiccare nell'ambiente.



Moda, Antiquariato, Arte, Design, Architettura, Cultura.

SHOP GEST srls

sviluppo e gestione e-Commerce, Start up & App.

Sede galleria L. Da Vinci 2 BIELLA Italy

P.IVA 02696110028 - REA BI-206387
commercial collaborators and partners

  Avignon -Marseille-France